fbpx
Novembre30 , 2021

Raul Fernandez attacca: la risposta di Aki Ajo

Related

Miguel Oliveira: il racconto di una stagione altalenante

L'incidente a Spielberg che ha rovinato tutto. Dai sogni...

Quartararo e il rinnovo che tarda ad arrivare: parla Jarvis

La stagione 2021 di MotoGP, si è conclusa da...

Max Verstappen: motore nuovo si o no?

Motore nuovo o non motore nuovo: questo è il...

Gp Arabia Saudita: orari e dove vederlo

Il Gp d'Arabia Saudita è il penultimo appuntamento del...

Share

E vissero tutti felici e…scontenti. Potrebbe essere il finale giusto per la narrativa del 2021 di Raul Fernandez, autore di dichiarazioni al vetriolo contro Remy Gardner ed il suo ex team Ajo. Il pilota madrileno ha lanciato accuse nei confronti della squadra, sostenendo di non essere stato supportato abbastanza. Alle parole di Raul ha risposto il team manager Aki Ajo, che in un’intervista su Speedweek ha messo i proverbiali puntini sulle “i”.


Remy Gardner e Raul Fernandez: c’eravamo tanto amati


Qual è la replica di Ajo alle “accuse” di Fernandez?

Tutto quello che voglio dire su Raúl è che ha avuto una stagione incredibile. Ho davvero molto rispetto per il suo anno da rookie“, sono le parole con cui Ajo ha cominciato l’intervista sul giornale on line di proprietà della Red Bull. “A metà anno ea fine stagione ho pensato: Uff, sarà una sfida quando i nostri due piloti Moto2 si batteranno per il mondiale. Ma ripeto. Tutto è rimasto davvero calmo e professionale nel box. Fino all’ultimo momento. Se un pilota pensa che tutto non sia andato al meglio, è comprensibile. Il pilota che non ha vinto il mondiale cerca le ragioni e le cause. Devi tenere a mente: Raúl ha festeggiato otto vittorie nella sua stagione da rookie. Remy ha vinto cinque volte, è stato più costante, ha fatto una stagione incredibile. Ci comportiamo in modo professionale ora e ci concentriamo sul futuro“. Ajo non ha reagito duramente alle affermazioni piccate di Fernandez, tuttavia ha precisato che il suo team ha supportato allo stesso modo i suoi rider, come deve fare una struttura professionale come la sua. Alla domanda se abbia parlato con Raul di questa vicenda, Aki ha risposto: “Ho chiacchierato con lui. Gli ho solo assicurato che ha fatto un buon lavoro in MotoGP. Altrimenti non abbiamo discusso nulla. Mi ha raccontato un po’ le sue impressioni con la MotoGP. Non mi concentro sulla lettura di interviste; Preferisco concentrarmi sul mio lavoro“. Insomma, niente polemiche. Ma stai attento a quello che dici, la prossima volta. E a proposito di parole…

Un retroscena dietro le affermazioni

Chiediamoci: perché Fernandez è così seccato? Sicuramente, aver perso il mondiale Moto2 gli da fastidio, ma forse c’è dell’altro. La verità è che Raul non doveva andare in MotoGP nel 2022, in quanto KTM programmava di tenerlo un altro anno nella classe media. Poi, è arrivata un’offerta da parte dell’ormai defunto team SRT, e le cose sono cambiate. Per paura di perdere il proprio gioiello, la “Kappa” ha forzato le tappe promuovendo lo spagnolo in classe regina. Ma il pilota non ha mai digerito pienamente la soluzione, in quanto avrebbe preferito restare in Moto2. Questo, forse, spiega le dichiarazioni al vetriolo rilasciate dal numero 25, anche in funzione d’intimidire quel Remy Gardner che condividerà con lui il box del team Tech3. In fondo, il compagno di squadra è il primo rivale.

Immagine in evidenza di Red Bull Content Pool, per gentile concessione

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20