Serie b a 19 squadre è una novità assoluta. La categoria istituita nel 1929 insieme alla serie A in  girone unico non è sempre stata cosi. I primi 4 tornei sono stati a 18 squadre, due punti per la vittoria e in caso di parità si guardava gli scontri diretti. Per due tornei si è poi giocato con due gironi con la divisione delle squadre all’incirca est-ovest. Grosso modo le squadre  delle regioni tirreniche da una parte e quelle adriatiche dall’altra. Nel 1935-36 si è tornati al girone unico a 18 squadre. Formato tenuto fino al 1943.

Subito dopo la guerra la serie b è ripartita con tre gironi. Dopo due stagioni con moltissime retrocessioni per girone si è tornati al girone unico nella stagione 48-49 con 20 squadre. Dal 53 al 58 b ridotta a 18 squadre per poi tornare a 20 con tre retrocessioni. Con la riforma della serie C del 1978 (istituzione della C1 a due gironi e della C2), le retrocessioni dalla b sono passate a quattro.  

Nel 1987 le promozioni in A da tre diventano 4.

Nel 1994 i punti per la vittoria dal tradizionale valore 2 passano al formato inglese di 3.

Nel 2002-2003 l’ultimo torneo di Serie b  a 20 squadre. Nel 2003-2004 per riportare in A Fiorentina e Napoli Figc e lega hanno allargato il torneo a 24 squadre con lo scopo poi di allargare la serie A che da 18 passava a 20 squadre. Ironicamente il Napoli ha mancato completamente la promozione salvandosi per pochi punti.

Riforme del formato dei tornei. Nel periodo precedente al girone unico per A e B c’era una assemblea con i rappresentanti delle squadre e si votava (le liti in alcune di queste sono passate alla storia) eventuali proposte di modifica. Nel ventennio fascista, il calcio era pilotato dall’alto e le singole squadre raramente avevano voce in capitolo.

Nel dopo guerra le cose “filavano dritte” a secondo del polso e del carisma di chi era il presidente di lega e/o Figc. In b si è capito che la suddivisione a gruppi non funzionava solo dopo alcuni tentativi da parte di chi voleva la serie A a portata di mano per quante più squadre possibili.

La regola dei tre punti è stata una “necessità” per adeguarsi agli altri tornei.

La crisi sfociata nel girone a 19 squadre è nata con il torneo a 24 squadre. Un regolamento fatto palesemente su misura per Napoli e Fiorentina ha con calciopoli azzerato la credibilità di Lega e Figc.

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.