U.G.O. Unite Gareggiamo Ovunque

Anche la Pallavolo Padova scenderà in campo per combattere il Cancro al Seno, un vero mostro da non sottovalutare, grazie alla Onlus U.G.O. Unite Gareggiamo Ovunque.

Anche lo sport può essere il giusto veicolo per sensibilizzare le donne riguardo alla prevenzione e alla cura di questa grave malattia.

Questa associazione sarà il nuovo charity partner per la stagione 2020/21 della Pallavolo Padova.

Come da tradizione, il logo del charity partner sarà presente sulla divisa di gioco della prima squadra. 

Leggi anche: Piazza è sicuro, “Milano sarà pronta per l’inizio della stagione”

U.G.O. Unite Gareggiamo Ovunque: la parternship con la Pallavolo Padova

L’associazione U.G.O. Unite Gareggiamo Ovunque Onlus è formata da donne operate di cancro al seno che praticano il dragon boat, una disciplina sportiva di antica origine orientale, praticata su barche con la testa e la coda a forma di drago.

La loro missione è promuovere e diffondere i benefici dell’attività fisica, i valori dello sport e la ricerca della salute psico-fisica delle donne che hanno subito varie operazioni.

S’inizia a parlare di squadre di dragon boat “in rosa” alla fine degli anni novanta quando studi scientifici hanno dimostrato come questo sport sia utile per la riabilitazione psico-fisica delle donne operate al seno.

La squadra padovana è nata nel 2015 quando è stato dato avvio ad un progetto pilota realizzatosi all’interno della Breat Unit dello I.O.V.

Con la collaborazione della Canottieri Padova e della Sezione Dragon Boat dell’A.R.C.S.

Dal 2016, le UGO hanno iniziato a gareggiare, sia in Italia che all’estero, con l’obiettivo di promuovere il loro progetto affinché tutte le donne che hanno avuto la loro esperienza possano conoscere l’attività del dragon boat e decidere di sperimentarla.

Questo è lo sport chiamato dragon boat,le atlete sono tutte donne che lottano contro quel mostro chiamato Cancro.

U.G.O. Unite Gareggiamo Ovunque: le parole della Presidentessa dell’Associazione.

La Presidentessa dell’Associazione Valeria Mazzucato ha risposto a due semplici domande che gli sono state poste, spiegando gli obiettivi che la Onlus vuole ottenere.

Con quale spirito affrontate questa partnership con la Pallavolo Padova e quali sono i valori che a vostro parere uniscono la vostra attività con il volley?
«Pallavolo e Dragon Boat sono in apparenza due sport che poco hanno in comune: sport di terra uno e d’acqua l’altro.

Pallavolo Padova, squadra maschile composta da giovani atleti, con una preparazione fisica impeccabile.

U.G.O., squadra femminile, composta da donne operate al seno, con età e forma fisica molto diverse, che si allenano regolarmente seppur due volte alla settimana.

Ma entrambe le squadre condividono i valori dello sport, il desiderio di esprimere le potenzialità, la voglia di competere, la soddisfazione di trarre dalla pratica dello sport di squadra benefici non solo fisici, ma anche psicologici e sociali.

La squadra U.G.O. è una compagine motivata, forte, coesa ed ambiziosa, che negli allenamenti affronta la fatica con il sorriso.

A ciò si aggiunge un profondo desiderio di riscatto nei confronti della vita, che in alcuni periodi ha penalizzato le sue atlete.

E’ l’amore per la vita che ci dona vivacità, gioia e desiderio di costruire insieme il futuro».

U.G.O. Unite Gareggiamo Ovunque: un’associazione al fianco delle donne


Quali sono gli obiettivi che vi ponete nel prossimo futuro?
«L’obiettivo principale è quello di consolidare e strutturare le attività.

Affinché l’associazione diventi il punto di riferimento per tutte le donne operate di tumore al seno che desiderino affrontare il percorso di riabilitazione post malattia anche attraverso la pratica di un’efficace e divertente attività sportiva.

Sono ormai diversi gli studi scientifici che hanno provato come la pratica del dragon boat arrechi notevoli benefici fisici, ma anche psichici, a chi è stato operato al seno.

Nei 5 anni di attività, la squadra ha partecipato a numerose competizione ed eventi sportivi a livello locale, nazionale ed internazionale, sia come “donne in rosa” che come squadra femminile, distinguendosi sempre per i risultati ottenuti.

Dopo la partecipazione, nel 2018 a Firenze, ai mondiali IBCPC delle donne in rosa, la squadra si è recentemente iscritta alla prossima edizione che si terrà in Nuova Zelanda nel 2022».


Come possono concretamente sostenervi i tanti tifosi bianconeri?
«Il sostegno delle persone è fondamentale sia in termini di divulgazione dell’attività di prevenzione e riabilitazione che svolgiamo.

Sia in termini di sostegno materiale. Per praticare il dragon boat servono imbarcazioni, pagaie, giubbini salvagente, divise per le atlete, sostenere i costi per le iscrizioni alle competizioni e le trasferte.

Con le entrate finora principalmente costituite da quote delle associate e loro contributi, è sempre più difficile garantire a tutte le donne operate di poter praticare questo sport; pertanto, ogni tipo di aiuto, anche il più piccolo, è per noi vitale.

L’associazione è una Onlus, pertanto ci sono agevolazioni fiscali sulle donazioni ed è iscritta al 5 per mille»

Infine la Pallavolo Padova ha ringraziato “Gruppo Polis – Cooperative sociali”, charity partner del 2019/20, per la collaborazione nel corso della scorsa stagione sportiva.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20