A Jebel Jais il leader della generale controlla per tutta la salita, poi vince in volata su Dumoulin, Gaudu e Valverde. Nibali si stacca nel finale

La tappa: Ajman-Jebel Jais (180 km)

TAPPA 6: AJMAN-JEBEL JAIS

Inizio col botto per la sesta e decisiva tappa dell’UAE Tour 2019, che si conclude a Jebel Jais dopo una salita di 17 km. Pronti via e una caduta scompiglia le carte, e a farne le spese sono Alejandro Valverde e Alessandro De Marchi (entrambi ripartiti senza conseguenze). Chi approfitta del caos iniziale è Adam Hansen, che parte all’attacco in solitaria, salvo poi venir raggiunto da Albasini, Rosskopf, William Clarke, Sieberg, Tratnik, Morkov ed Elia Viviani, quest’ultimo con l’obiettivo di racimolare punti per la maglia verde. Il gruppo dei battistrada prende il largo fino a guadagnare quasi 10′ di vantaggio sul plotone, ma mentre Morkov e Viviani si lasciano riassorbire dopo aver conquistato i punti degli sprint, il resto degli attaccanti prosegue fino alle pendici della salita finale, quando sono in tre ad allungare: William Clarke, Joseph Rosskopf e Jan Tratnik, mentre il gruppo è riuscito a ricucire lo svantaggio, portandolo a meno di 3′

Già nei primi chilometri di salita è la squadra del leader, la Jumbo-Visma a dettare il passo, permettendo al plotone di recuperare lentamente, ma costantemente, lo svantaggio con i tre battistrada. Ma davanti non hanno più la forza di proseguire: prima Clarke e poi Tratnik si staccano, lasciando da solo al comando Rosskopf, che resiste al ritorno del gruppo fino ai 2 km dal traguardo. A questo punto uno strepitoso Laurens De Plus si mette in testa al gruppo dei favoriti. E’ in questa fase che Vincenzo Nibali, dopo aver tenuto bene lungo tutta la salita, si stacca. Davanti intanto è Daniel Martin a rompere gli indugi, lanciando per primo la volata. Dietro di lui si portano Tom Dumolin e Primoz Roglic. L’olandese della Sunweb scavalca l’irlandese, e sembra poter far sua la tappa, ma Roglic dimostra di essere una spanna sopra tutti, rimontando e vincendo nettamente sulla Farfalla di Maastricht, e ipotecando il successo finale, mentre Gaudu e Valverde, i suoi più vicini inseguitori, devono accontentarsi del 3° e 4° posto

Ordine d’arrivo

ORDINE D’ARRIVO

Classifica generale

CLASSIFICA GENERALE
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.