1000 Miglia 2020: percorso e date.

Tradizione, novità, maggior tutela per la sicurezza dei partecipanti e un ambizioso progetto legato all’UNESCO. Questi, in sintesi, i vari argomenti trattati durante la presentazione ufficiale del percorso della 1000 Miglia 2020, la leggendaria rievocazione storica della competizione tenutasi tra il 1927 e il 1957. La data di partenza è fissata per il 13 maggio del prossimo anno a Brescia, mentre l’ultima giornata è prevista per il giorno 16 con traguardo fissato sempre nella città lombarda. La 38ª edizione dell’evento automobilistico vedrà la presenza di 400 vetture, un numero ridotto rispetto agli anni precedenti.

Gli organizzatori hanno deciso di diminuire le autovetture in gara per assicurare maggior sicurezza a tutti gli iscritti, nonché una qualità superiore dei servizi offerti. Le macchine verranno selezionate da una commissione di esperti e dovranno essere registrate all’apposito sito ufficiale prima della scadenza dei termini per effettuare l’iscrizione alla 1000 Miglia 2020. Nel solco della tradizione, anche in quest’occasione prima del via sfileranno cento modelli di auto moderne.

Il regolamento della 1000 Miglia 2020.

Franco Gussalli Beretta, presidente di 1000 Miglia Srl, ha dichiarato alla stampa che l’edizione del prossimo anno sarà costituita sicuramente da diverse novità, senza però perdere quell’atmosfera di «meraviglia e profonda emozione» che da sempre accompagna l’evento e i suoi concorrenti con le rispettive vetture. Il dirigente ha ricordato che le automobili saranno di meno per ragioni di sicurezza e per alzare ulteriormente il livello di qualità della manifestazione.

Inoltre, nel pieno rispetto dei principi di trasparenza e storicità delle vetture che vengono ammesse alla gara, per regolamento verranno accettate le domande d’iscrizione di quei modelli per i quali entro la data ultima prefissata sarà stata completata la procedura di registrazione al Registro 1000 Miglia. Quest’ultimo, infatti, è stato introdotto proprio per avere un censimento più preciso ed una certificazione di tutte le macchine che dal 1927 al 1957 sono state protagoniste della corsa.

Il percorso completo della 1000 Miglia 2020

La 1000 Miglia 2020 prenderà il via ufficialmente mercoledì 13 maggio da Brescia con le mitiche automobili storiche che sfileranno lungo le strade delle città che sorgono nei pressi del Lago di Garda, Desenzano e Sirmione, arrivando poi a Villafranca di Verona, Mantova, Ferrara e Ravenna, chiudendo la prima giornata di corsa a Cervia-Milano Marittima.

RallyLegend 2019: il programma completo

Il 14 maggio si riprenderà la marcia da Cesenatico, giungendo poi a Urbino, Fabriano, Macerata, Fermo e Ascoli Piceno prima di transitare nei centri urbani colpiti dal terribile terremoto del 2016, tra cui Amatrice. Dopo il passaggio lungo Rieti si procederà verso Roma e qui le automobili sfileranno per le vie principali della capitale per fermarsi alla consueta passerella di Via Veneto.

Il percorso della 1000 Miglia 2020.

La terza giornata del 15 maggio prenderà le mosse dalle prime ore del mattino perché sarà la tappa più lunga e impegnativa per i concorrenti. Verranno attraversate le cittadine di Ronciglione, Radicofani, Viterbo e Castiglione d’Orcia e uno dei momenti-clou si avrà quando si giungerà nella bellissima Piazza del Campo di Siena per poi transitare per Lucca e lasciare così la Toscana imboccando il Passo della Cisa. In Emilia Romagna verrà omaggiata Parma, nominata Capitale Italiana della Cultura 2020, dove i numerosi equipaggi potranno sostare prima che cominci l’ultima giornata della manifestazione.

Scatterà il 16 maggio la tappa conclusiva della 1000 Miglia 2020: i concorrenti si confronteranno a Salsomaggiore Terme, per poi sfrecciare per le strade del borgo di Castell’Arquato (provincia di Piacenza). Appuntamento importante a Cernusco sul Naviglio (Milano) che da poco si è meritata il titolo di Città Europea dello Sport 2020 e subito dopo sarà la volta di Bergamo. Il traguardo verrà posto a Brescia, esattamente a Viale Venezia, dove nel 1927 ebbe inizio la grande e indimenticabile avventura della Coppa delle 1000 Miglia.

Il progetto d’iscrizione all’UNESCO

La 1000 Miglia, oltre all’aspetto legato alla competizione e alla bellezza storica delle vetture, punta ad un altro grande traguardo per il futuro. È stato Aldo Bonomi, presidente dell’ACI di Brescia, ad annunciare che si punta all’iscrizione della mitica gara alla Lista Rappresentativa del Patrimonio Immateriale dell’UNESCO entro il 2022. L’operazione vedrà la collaborazione tra l’Automobile Club d’Italia, 1000 Miglia Srl e il Comune di Brescia che metterà a disposizione le competenze e l’esperienza della Fondazione Brescia Musei. Siccome la procedura per avanzare la candidatura ufficiale è piuttosto tortuosa e complessa, ci si avvarrà dell’apporto di LINK Foundation di Torino che ha la massima conoscenza in materia di UNESCO.

Obiettivo UNESCO per la 1000 Miglia.

Alberto Piantoni, amministratore delegato di 1000 Miglia Srl, ha sottolineato che i responsabili della corsa da sempre credono nel suo valore e nelle sue prerogative che associano tradizione, innovazione e tecnologia, diffondendo l’eccellenza del settore dell’automotive italiano in tutto il mondo. Di conseguenza, proprio per tutelare quest’importante e prezioso patrimonio automobilistico, sono stati introdotti ulteriori vincoli e parametri in fase di registrazione per far sì che alla leggendaria competizione stradale di granfondo possano prendere parte solo vetture autentiche.

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.