Importantissima vittoria del Torino che nella 33esima giornata di Serie A sbanca Genova con un goal di Ansaldi al quarto d’ora della ripresa e si porta a soli 3 punti dal Milan, fermato sull’1-1 a Parma nell’anticipo delle 12:30. Recriminano invece gli uomini di Prandelli, generosi nel forcing finale ma molto imprecisi nei pressi di Sirigu, oggi in giornata di grazia. Mazzarri, che recupera Belotti davanti, si affida al modulo col doppio trequartista, con Berenguer e Baselli alle spalle del Gallo, e affida il centrocampo alla fisicità di Meitè. Nella sponda rossoblù Prandelli da fiducia alla coppia Sanabria-Lapadula davanti e demanda le incursioni in fascia al redivivo Criscito, ottimo oggi in fase di spinta.

La prima mezz’ora vive su un sottile equilibrio, con Sturaro indemoniato in mezzo al campo e con il centrocampo granata che non riesce a servire Belotti, isolato davanti e innocuo dalle parti di Radu. Proprio dopo la mezz’ora però arriva la prima svolta della gara: Sturaro esce per infortunio e viene sostituito da Rolon, cambio che abbassa l’intensità del Grifone e permette al Torino di respirare, nonostante a pochi minuti dall’intervallo Sirigu debba compiere il primo miracolo di giornata disinnescando un bellissimo colpo di testa di Lerager.

Un tiro a lato di Lapadula fa calare il sipario sui primi 45 minuti di gioco, ed è lo stesso Lapadula ad aprire il secondo tempo quando con una zampata sotto porta mette paura all’insofferente pubblico di casa. È la scossa definitiva della sfida che sveglia gli uomini di Mazzarri, inviperito nell’intervallo per il pessimo primo tempo dei suoi. E alla prima vera incursione, al minuto 60 Ansaldi, su ottima assistenza di Iago Falque, trafigge Radu con una bomba dal limite siglando il più classico dei goal dell’ex. La rete del vantaggio da fiducia ai granata mentre affievolisce la spinta dei padroni di casa, nonostante la generosità di Kouamè subentrato al 7’ a Sanabria. La pecca del Toro è quella di non chiudere la gara in contropiede, con Belotti e Iago molto imprecisi al tiro o in appoggio al compagno meglio posizionato. Il mancato colpo del KO rianima gli uomini di Prandelli che attaccano a testa bassa ma le speranze del pareggio si infrangono nuovamente sul portentoso Sirigu, miracoloso a negare il pareggio a Kouamè. Gli ardori del Genoa terminano qui, mentre la sfida si chiude con l’ennesimo contropiede fallito da Perugini che si fa ipnotizzare da Radu nel momento di battere a rete. Torino che vola a -3 dal Milan alla vigilia dello scontro diretto e Mazzarri gongola: la Champions non è più così lontana.

TABELLINO

GENOA – TORINO 0-1

GENOA (3-5-2): Radu; Romero, Zukanovic, Criscito; Sturaro (33′ Rolon), Lerager, Radovanovic, Veloso (20′ st Bessa), Lazovic; Sanabria (8′ st Kouamè), Lapadula

Allenatore: Prandelli 

TORINO (3-4-3): Sirigu; Izzo, N’Koulou, Moretti; Aina, Meite, Rincon, Ansaldi; Baselli (39′ st Lukic), Belotti, Berenguer (27′ st Parigini)

Allenatore: Mazzarri

Marcatori: 58′ Ansaldi

Arbitro: Doveri

Ammoniti: Lerager, N’Koulou, Rolon, Veloso, Moretti, Baselli, Parigini, Radovanovic

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.