Franz Beckenbauer è nato l'11 settembre 1945.

È nato l’11 settembre 1945 Franz Beckenbauer, uno dei più grandi difensori della storia del calcio. Considerato un innovatore nel suo ruolo, ha legato gran parte della propria sfavillante carriera alla squadra della sua città, il Bayern Monaco, vincendo praticamente tutto in 12 stagioni: 4 campionati tedeschi, 4 Coppe di Germania, 3 Coppe dei Campioni, una Coppe delle Coppe e una Intercontinentale. Ha continuato a raccogliere successi anche quando è passato all’Amburgo, vincendo un titolo nazionale, e ha conquistato per tre volte il campionato della NASL, la lega professionistica che dal 1968 al 1984 gestì l’organizzazione della competizione calcistica dell’America Settentrionale.

Ma il Kaiser del calcio tedesco non si è fatto mancare nulla anche a livello di nazionale. Con la sua Germania si è laureato campione d’Europa nel 1972 ed è salito sul tetto del mondo nel 1974. Dopo essersi ritirato dal calcio giocato, è diventato allenatore e anche in questa nuova veste si è confermato un vincente. Alla guida del Bayern Monaco ha festeggiato una Bundesliga e una Coppa UEFA, mentre come commissario tecnico della Germania ha vinto il mondiale nel 1990.

Beckenbauer ha vinto tutto con il Bayern Monaco e la nazionale tedesca.

In questi giorni, poco prima del suo 75° compleanno, Beckenbauer ha rilasciato un’intervista alla Bild nella quale più che l’inossidabile campione è emerso l’uomo con tutte le sue debolezze e le sue paure. D’altronde, questi ultimi anni non sono stati facili per l’ex difensore che ha dovuto affrontare drammi personali e anche una serie di polemiche professionali che l’hanno cambiato profondamente.

Beckenbauer: «Spero che il buon Dio mi dia ancora molti anni»

Di recente Franz Beckenbauer sta comparendo meno in pubblico rispetto al passato, preferendo la vita privata alle luci della ribalta. Il campione tedesco del resto ha dovuto affrontare e superare dei momenti a dir poco difficili. Nel luglio del 2015 è morto il figlio Stephan, stroncato da un tumore al cervello, mentre lui si è sottoposto a diversi interventi chirurgici. Inoltre nel 2006 è stato travolto dalle polemiche in merito a dei dubbi sulla regolarità della procedura di assegnazione dei campionati del mondo alla Germania. Sospetti che però non hanno mai trovato conferma.

Beckenbauer: il figlio Stephan è morto nel 2015.

Raggiunto dalla Bild pochi giorni prima del suo compleanno, il fuoriclasse si è raccontato con estrema sincerità. Ha spiegato che quando ha compiuto 50 anni e anche quando è diventato 70enne non ha avvertito alcuna sensazione particolare. Adesso invece che ha raggiunto la soglia dei 75 anni, per la prima volta nella sua vita ha cominciato a pensare alla morte. Ha rivelato che giunto a quest’età «intravedi la fine» e per questo motivo si augura che Dio gli possa concedere ancora altri anni da vivere. Tuttavia si sta rendendo conto che ormai il suo tempo sta per scadere: «E questo ovviamente ti fa riflettere».

Beckenbauer però ha voluto chiarire che questi pensieri non li affronta con paura perché sa che si tratta di un destino che non può essere cambiato, l’unica differenza è che ora sta riflettendo molto più di prima sulla morte. Ha svelato che non va più di frequente in chiesa ma comunque continua a pregare e a ringraziare Dio per la bella vita che gli ha concesso. In seguito agli avvenimenti degli ultimi anni ha preferito cambiare il suo stile di vita. Le critiche sui campionati del mondo 2006 lo hanno segnato e anche se adesso non ne parla più nessuno lui non riesce a dimenticare.

6 curiosità su Franz Beckenbauer

In seguito alla delicata operazione al cuore che ha subito ha rinunciato agli alcolici. Alla Bild ha spiegato che in un’occasione ha provato a bere qualcosina ma subito è scattata la «fibrillazione ventricolare». Adesso preferisce tenersi lontano dall’alcool, avere una vita tranquilla, andare in piscina e camminare nell’acqua. Insomma, il leggendario Kaiser a 75 anni sta provando a trovare un pizzico di serenità dopo gli ultimi, turbolenti e sofferti anni che ha dovuto trascorrere.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20