L’hockey subacqueo, nel Regno Unito detto anche Octopus, è uno sport a contatto limitato, praticato a livello mondiale, in cui due squadre competono per spingere un disco attraverso il fondo della piscina con un apposito bastone.
Questo sport è nato in Inghilterra ne 1954, quando Alan Blake, fondatore del “Sub-Water-Club Southsea”, ha inventato il gioco che ha deciso di chiamare Octopus, al fine di mantenere attivi i membri del Club nei mesi invernali.
L’hockey subacqueo è ora giocato in tutto il mondo e appartiene alla Confederazione Mondiale delle Attività Subacquee, CMAS. Il primo campionato mondiale ha avuto luogo in Canada nel 1980.

Andiamo ora ad analizzare le regole del gioco. In principio erano previste due squadre da otto giocatori ciascuna. Ogni giocatore era dotato di una mazza detta “pusher” e veniva utilizzato un disco di piombo non patinato.
Nel sito della CMAS si dice che questo sport ha avuto inizio con la Royal Navy britannica negli anni ’50. Il gioco è stato testato per la prima volta in una partita a due nel 1954.

Nello stesso anno Alan Blake rilasciò la seguente dichiarazione nel numero di novembre della rivista “Nettuno” del British Sub-Water-Club.
“Il nostro programma di allenamento indoor è in corso. Tra le varie attività, c’è la possibilità di provare un nuovo gioco chiamato Octopush: ne forniremo presto i dettagli:”

La prima competizione di Octopush è avvenuta tra tre squadre, Southsea, Bournemouth e Bringhton, all’inizio del 1955. Southsea si è classificata al primo posto e, tutt’ora, vanta le prime posizioni a livello nazionale.
Negli anni successivi, lo sport si è diffuso a Durban, in Sudafrica. Le prime partite sono state giocate nelle piscine del Max Doveton Club.

Mentre la versione “long-stick” dell’hockey subacqueo si è diffusa in un primo tempo a livello internazionale, ad oggi prevale lo stile britannico detto “short-stick”, utilizzato a livello universale.
Nelle due Americhe, questo sport è arrivato nel 1962, a partire dal Canada, attraverso Norm Leibeck, istruttore subacqueo australiano. Dieci anni dopo è stata fondata la Underwater Hockey Association of British Columbia, UMABC.
In Asia questa attività è arrivata per la prima volta nelle Filippine alla fine degli anni ’70.

Negli anni successivi, l’hockey subacqueo ha subito diverse evoluzioni, dalle attrezzature alla dimensione della squadra. Ad oggi è giocato in tutto il mondo e conta ben 68 squadre provenienti da 19 paesi.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20