Ciak si gira, buona la prima (senza Hamsik). Il Napoli di Ancelotti fa il suo debutto in questa Europa League, battendo 1-3 lo Zurigo nei sedicesimi di andata, ed ipotecando la qualificazione agli ottavi di finale. I partenopei, privi del capitano Marek Hamsik dopo 12 anni di azzurro, non sbagliano l’appuntamento Europeo, da sempre seconda pelle del suo tecnico, quel Carlo Ancelotti che di Champions ne ha vinte 5 (tre da allenatore, due da giocatore), a cui manca nel palmarès solo l’Europa League. Un obiettivo ed un percorso comune, iniziato ufficialmente la sera degli innamorati, e che potrebbe portare sino alla finale di Baku, in programma il 29 Maggio. Insigne e compagni sognano di riportare un trofeo Europeo all’ombra del Vesuvio, a 30 anni esatti dalla prima ed ultima volta, quando il Napoli di Maradona andò a conquistare la Coppa Uefa in quel di Stoccarda, in Germania.

Il Napoli è con la formazione tipo, unico assente Albiol che resterà fermo un paio di mesi, al suo posto Maximovic. Davanti Milik, confermato in Europa, al fianco di Insigne. Sin da subito è evidente la netta differenza tecnico-tattica tra le due squadre. Passano 10′ minuti e gli azzurri si trovano subito in vantaggio, in cui ringraziano Brecher. Il portiere avversario perde palla nell’area piccola con un stop sbagliato su cui si avventa Milik, che protegge col fisico e subito trova al centro area Insigne, che a porta vuota mette in rete senza alcun problema. Per Insigne 75° goal in maglia azzurra, alla prima da effettivo capitano. Al 15′ gli azzurri però rischiano sul tiro dal limite di Kololli che si perde sul fondo. Poco dopo però è ancora Insigne che dai 25 metri, dopo uno scambio con Ruiz, trova uno spiraglio e tenta il tiro a giro sui cui però Brecher riscatta in parte la papera sul primo gol. Il Napoli però è indemoniato, e dopo due minuti, Insigne fa correre Malcuit sulla fascia, il terzino crossa sul primo palo dove Callejon va in anticipo e di piatto spinge in rete siglando lo 0-2 Napoletano. Gli uomini di Ancelotti non si accontentano e continuano a spingere, e Ghoulam dalla sinistra crossa trovando la spizzata sul primo palo di Zielinski che di poco non trova la via del goal. Il Napoli è in totale controllo, e nel finale prima Milik con un tiro potente parato, e poi Koulibaly con un colpo di testa fuori di poco, vanno vicinissimi allo 0-3, che per quanto visto sarebbe stato meritatissimo. Il primo tempo finisce con Ancelotti ben contento della mentalità con cui i suoi ragazzi hanno approcciato la gara.

Callejon e Fabian Ruiz festeggiano il secondo gol

Il secondo tempo inizia come era finito il primo, ossia Napoli in totale controllo e con occasioni da rete, e infatti Zielinski e Callejon vanno vicini al gol nella stessa azione. Il polacco in serpentina entra in area seminando il panico, tira a botta sicuro ma viene murato da uno straordinario intervento difensivo, sulla respinta Callejon fa partire il diagonale che viene parato e messo in angolo. I partenopei dopo 60′ minuti ad alto ritmo, decidono di calmare le acque e controllare il match dosando anche le energie. Tuttavia le occasioni arrivano in egual misura: prima con Milik con un sinistro dal limite dell’area poco potente, poi ancora Koulibaly che stacca di testa su un calcio d’angolo ma trova una grandissima respinta di Brecher. Gli sforzi del Napoli per trovare lo 0-3 sono evidenti, e dopo tante occasioni arriva il meritato tris partenopeo: Callejon in discesa sulla destra trova al limite dell’area Zielinski che controlla, dribbla due avversari e di destro insacca per il terzo goal della serata. Neanche il tempo di gioire per gli azzurri, che poco dopo alla prima vera occasione lo Zurigo trova a favore un calcio di rigore, su cui Maximovic viene anche ammonito. Sul dischetto, si presenta  Kololli, che con freddezza mette in rete col cucchiaio alla Totti. In modo incredibile lo Zurigo avrebbe addirittura la palla del 2-3, ma prima la traversa e poi Meret in tuffo, si oppongono all’offensiva svizzera. Ancelotti visibilmente irritato invita i suoi a mantenere alta la concentrazione in una partita dominata per 85′ minuti. La partita finisce, ed il Napoli ipoteca, quasi, la qualificazione. Un risultato che può far dormire sogni tranquilli a Carlo Ancelotti che ora vede nell’Europa League il principale obiettivo stagionale.

Tabellino

Zurigo vs Napoli 1-3 ; 11′ Insigne (N), 21′ Callejon (N), 77′ Zielinski (N), 83′ rig. Kololli (Z)

Zurigo (4-1-4-1): Brecher; Untersee, Nef, Maxso, Kharabadze; Bangura; Winter (67′ Ceesay), Kryeziu, Domgjoni (46′ Marchesano), Kololli; Odey (80′ Khelifi). All: Magnin

Napoli (4-4-2): Meret; Malcuit, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam (76′ Luperto); Callejon, Allan (60′ Diawara), Fabian Ruiz, Zielinski; Insigne (68′ Ounas), Milik. All: Ancelotti

Ammoniti: Untersee (Z), Kryeziu (Z), Ghoulam (N), Diawara (N), Maksimovic (N), Nef (Z)

Arbitro: Mazic

Migliore in campo: Callejon

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.