Extreme-E: il calendario del primo mondiale.

Il mondo del motorsport elettrico, volto a sensibilizzare gli appassionati e tutte le persone in merito alla tutela dell’ambiente, si prepara ad accogliere un’altra disciplina che sarà all’insegna della sostenibilità. Dopo la presentazione del progetto di qualche mese fa, finalmente il campionato Extreme-E è diventato realtà. Infatti è stato svelato in questi giorni il calendario ufficiale di quello che sarà il primo campionato del mondo che avrà come protagonisti dei Suv alimentati totalmente da propulsori elettrici.

Si tratta di vetture che si preannunciano decisamente competitive, poiché sarebbero in grado di sprigionare 550 cavalli di potenza e di passare da fermo a 100 Km/h in appena 4,5 secondi. Alejandro Agag, ideatore della Formula E ed ora anche di Extreme-E, nell’illustrare il suo nuovo progetto ha spiegato che la competizione prenderà le mosse dai rally tradizionali per avere però delle sfide basate esclusivamente su automobili ad emissioni zero. Gli obiettivi principali della manifestazione sono decisamente ambiziosi: contribuire allo sviluppo delle nuove tecnologie legate al comparto elettrico e, soprattutto, avviare una campagna di sensibilizzazione presso il pubblico, mettendo in risalto i danni causati dall’inquinamento atmosferico e dai cambiamenti climatici e le modalità per contrastare questa terribile piaga.

Extreme-E:

A tal proposito, si prevede che alla fine di ogni gara, i protagonisti e i responsabili del campionato Extreme-E diano il via ad un intervento volto esclusivamente alla salvaguardia della salute del pianeta. Quindi si procederà alla riforestazione di un’area completamente diboscata, oppure verrà promossa l’installazione di nuovi impianti ad energia solare.

Per quanto riguarda l’aspetto sportivo, per il momento dovrebbero prendervi parte 12 vetture che monteranno identici chassis e batterie, mentre i singoli team saranno chiamati ad occuparsi dei motori e della carrozzeria. Inizialmente si iscriveranno dei costruttori privati, ma Agag non ha nascosto di voler portare anche in questa disciplina eco-sostenibile grandi nomi dell’automotive come sta accadendo in Formula E.

La Formula E diventa campionato del mondo FIA

Extreme-E: il calendario della prima edizione

Il nuovo campionato di Extreme-E debutterà nel 2021 con cinque appuntamenti che si terranno in luoghi particolarmente significativi per i danni che hanno subito a causa del riscaldamento globale. Si comincerà il 22 gennaio 2021 in Senegal, presso il Lago Rosa che dista circa 30 chilometri dalla mitica Dakar. Da qui l’intero paddock si sposterà a bordo della nave della Royal Mail Ship verso l’Arabia Saudita per la seconda gara del mondiale. La scelta di un natante come mezzo di trasporto è a suo modo significativa per ridurre le emissioni causate dallo spostamento di numerosi mezzi di trasporto da un Paese all’altro, e soprattutto perché l’imbarcazione St. Helena (appartenente alla flotta britannica e in servizio dal 1990 al 2018) verrà ristrutturata in una nuova versione eco-sostenibile.

Il calendario di Extreme-E 2021.

Teatro della terza tappa dell’Extreme-E sarà l’Himalaya, e più precisamente il distretto del Mustang, in Nepal. Molto significativa sarà la corsa che si terrà in Groenlandia ad agosto, quando i Suv elettrici svetteranno lungo il fiordo di Kangerlussuaq, e questa sarà l’occasione per sottolineare le pesanti conseguenze che l’intera zona sta subendo in seguito all’eccessivo aumento delle temperature che sta pericolosamente sciogliendo e riducendo i ghiacciai.

Il mondiale si chiuderà in Brasile, nei pressi della Foresta amazzonica, nella città di Santarem. Il tracciato andrà da Manaus a Belém, un’area che ha pesantemente risentito del diboscamento provocato dall’eccessiva diffusione di allevamenti industriali e dell’agricoltura intensiva.

Il calendario ufficiale dell’Extreme-E 2021

  • 22-24 gennaio: Lac Rose, Senegal
  • 4-6 marzo: Sharaan, Saudi Arabia
  • 6-8 marzo: Kali Gandaki Valley, Nepal
  • 27-29 agosto: Kangerlussuaq, Greenland
  • 29-31 ottobre: Santarem, Brazil
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20