gp austria gara motogp
Dal profilo Twitter ufficiale della MotoGP

Una gara dai mille significati, quella della MotoGP al Gp d’Austria. Andrea Dovizioso vince con una prestazione netta e perentoria. Una vittoria che viene il giorno dopo l’annuncio di lasciare la Ducati a fine stagione.

Il forlivese batte Joan Mir e Jack Miller, che della Ducati rappresenta il futuro. Niente da fare invece per la KTM, che sembrava favorita per il successo dopo le prove incredibili di Pol Espargaro. E invece, Polyccio cade e perde l’occasione della vita.

Ci pensa Brad Binder a salvare la giornata della casa austriaca, finendo quarto dopo essere partito 17esimo! Dietro di lui Valentino Rossi, che a sua volta mantiene a galla la Yamaha.

Fabio Quartararo infatti è vittima di un lungo e finisce ultimo. Il francese leader del mondiale recupera ma finisce solo ottavo. Decimo Maverick Vinales, che sembrava tanto in forma dopo la strepitosa pole di ieri. Franco Morbidelli, invece, tampona Johann Zarco ad alta velocità, innescando una carambola che costringe la direzione gara ad esporre la bandiera rossa.

GP Austria, la cronaca della gara MotoGP

Al via, Maverick Vinales scatta male ed è fuori dalla top ten alla prima curva. Il più lesto è Jack Miller, che cera subito di allungare. Dietro l’australiano Espargaro ingaggia un duello con Dovizioso, e Mir subito a seguire. Il catalano sente di avere un passo migliore di tutti, e vuole passare in testa.

Ci riesce al quinto giro, quando passa Miller. Inzia a sparare giri velocissimi, sul 24″6, provando a distanziare le Ducati.

Fabio Quartararo parte malissimo dalla prima fila, esattamente come Vinales All’ottavo giro finisce lungo in curva 4, finendo nella ghiaia. Risale 22esimo, staccatissimo dal resto del gruppo, Tutto da rifare.

Al nono giro si sfiora la tragedia. Zarco frena molto all’interno alla staccata di curva 3, fuori traiettoria. Morbidelli non fa in tempo ad evitarlo, tamponandolo ad oltre 250 Km/h. La Ducati del francese taglia la linea alle due Yamaha ufficiali, sfiorandole per pochi cm. Il “Morbido” atterra duramente sulla via di fuga interna, con la M1 Petronas che si disintegra. Inevitabile la bandiera rossa.

Entrambi i piloti vengono visitati al centro medico, ma stanno bene. Una splendida notizia!

Si riparte con una corsa di 20 giri. Al secondo via Miller brucia Espargaro, partito davanti a tutti. L’australiano precede Espargaro, Dovizioso e le due Suzuki di Mir e Rins, che dopo il primo via era arretrato undicesimo.

Quartararo scatta dall’ultima fila, ma già dopo il primo giro è 16esimo. Parte invece malissimo Vinales, che dopo tre curve è addirittura ultimo!

Espargaro non riesce a riproporre il ritmo del primo start. E’ spesso lungo in staccata, cosa che lo porta a perdere terreno nei confronti delle Ducati e delle Suzuki. Si fa rimontare anche dal compagno di marca Miguel Oliveira, con il quale collide al nono giro. Il portoghese rientra al box furibondo.

Binder sorpassa Valentino Rossi con una manovra al limite in curva 9, con il risultato che finiscono larghi entrambi. Ne approfitta Takaaki Nakagami, ora attaccato agli scarichi del “Dottore”.

Rins in questa fase è velocissimo, a tal punto da impensierire Dovizioso e Miller. Ma al decimo giro perde l’anteriore in curva 6 e finisce a terra. Gara finita per il catalano.

Dovi mantiene la testa della corsa, e pian piano mette decimi di vantaggio su “Jackass”. L’alfiere Pramac Racing deve vedersela con Mir, velocissimo nel terzo e nel quarto settore. Jack si difende bene nei rettilinei, grazie alla potenza della sua Desmosedici.

All’ultimo giro, Dovizioso ha quasi due secondi di vantaggio, e vince senza problemi. Miller tenta di difendersi dagli attacchi di Mir, ma va lungo in curva 9, aprendo le porte a Joan.

Quartararo rimonta fino a raggiungere Danilo Petrucci, a cui contende la settima posizione. Il duello si risolve con una volata che si conclude a favore del ternano.

Classifiche

La classifica della gara MotoGP dell GP d’Austria. Con questi risultati, Fabio Quartararo mantiene la leadership del mondiale, con 12 punti di vantaggio su Dovizioso. Il mondiale piloti completo è a questo link.
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20