Masters 1000 Shanghai
Alexander Zverev: Foto via Twitter @atptour
Il tedesco gioca un match praticamente perfetto contro un opaco Matteo. Sesta finale consecutiva per Medvedev

Masters 1000 Shanghai – cemento

[3] D. Medvedev b. [6] S. Tsitsipas 7-6(5) 7-5

[5] A. Zverev b. [11] M. Berrettini 6-3 6-4

Niente da fare per Matteo Berrettini al Rolex Masters 1000 Shanghai. Dopo quanto di buono fatto vedere nei turni precedenti – soprattutto ai quarti contro Thiem – il tennista romano cede sotto i colpi di un perfetto Alexander Zverev in semifinale.

Per sua sfortuna, oggi ha trovato di fronte una versione praticamente ingiocabile del tedesco. Sasha sembra essersi messo definitivamente alle spalle i problemi al servizio che lo affliggevano negli ultimi appuntamenti.

Infatti questo Masters di Shanghai rappresentava un bivio della sua stagione, e lui non l’ha sbagliato. 81% di prime in campo e 218 km/h di media sono numeri che farebbero rabbrividire anche i big server.

Dinanzi al suo devastante servizio Matteo Berrettini è stato praticamente inerme. Infatti sono stati solo sette i punti conquistati in risposta.

Tuttavia la spedizione cinese non è stata affatto negativa per il giovane tennista azzurro. Oltre all’ottima semifinale raggiunta, i maggiori sorrisi arrivano dal Ranking ATP.

Matteo con questo risultato diventa n.11 al mondo e n.1 d’Italia scalzando nelle gerarchie Fabio Fognini – out nei quarti – e insidiandosi all’ottavo posto nella Race to London.

Per la qualificazione al Masters di fine anno saranno ora decisivi i prossimi appuntamenti.

La partita –

Berrettini parte un pò contratto, ma con la buona dose di audacia riesce a mantenere i propri turni di servizio. Zverev fa lo stesso ma con meno patemi.

Il momento cruciale del set è il quarto gioco, quando Berrettini commette tre errori di dritto che regalano il break al tedesco.

Sasha forte del vantaggio non si scompone al servizio, chiudendo poi 6-3 in una mezz’ora scarsa.

Il copione non cambia neanche nel secondo parziale, con il solito Zverev a guidare saldamente le operazioni.

Dal suo canto però Berrettini comincia ad essere maggiormente propositivo e a sbagliare meno con il dritto.

Il romano attende il calo del suo avversario, ma invece è lui ad incappare in un game horribilis al nono gioco. Zverev vola via 0-40 grazie a regali altrui che poi prontamente restituisce. Berrettini con il servizio arriva al 40-40, ma uno slice a rete e una brutta volée consegnano il break decisivo al tedesco.

Sasha chiude poi agevolmente per 6-3, 6-4, centrando la sua sesta finale in carriera in un Masters 1000 – 3 vittorie e 2 sconfitte il bilancio –

La magica estate di Daniil –

Nella finale in programma domani, Alexander Zverev incontrerà Daniil Medvedev. Infatti anche a Shanghai il russo si dimostra il tennista più in forma del circuito, collezionando un altro memorabile tassello della sua estate da sogno.

Ottavo match senza perdere neanche un set, 58esima vittoria stagionale, sesta finale consecutiva. Se questi non sono numeri da predestinato fate vobis.

A proposito di giovani di belle speranze un plauso va anche a Stefanos Tstistipas, che si danna per cercare di scalfire la muraglia innalzata dal russo, ma niente.

L’ellenico alla fine cede per 7-6(5), 7-5, incassando la quinta sconfitta su cinque incontri contro il n.4 al mondo.

Ottimi i servizi da ambo le parti, ma a fare la differenza è stato il gioco da fondo campo di Medvedev. Infatti si è dimostrato troppo variegato il tennis del russo per le velleità di Tstistipas, che ha perso tutti i punti cruciali del match.

Il 23enne moscovita si regala così la terza finale in un 1000 nel 2019.

Ora l’appuntamento per la finale è fissato a domani mattina alle ore 11:00 circa – ora italiana –

Masters 1000 Shanghai: il tabellone completo

Race to London: classifica aggiornata

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.