9 partite nella notte NBA: un Paul George da sogno piega Houston. I Jazz battono San Antonio. Vittorie per Clippers (a Boston) e Magic (a Milwaukee)

Utah Jazz-San Antonio Spurs 125-105

4° ko di fila per gli Spurs, sconfitti a Salt Lake City dai Jazz in un match forse decisivo per la corsa ai playoff. Dopo un primo quarto giocato alla pari dalle due squadre, i Jazz dilagano nel secondo, regolando per 39-24 gli Speroni. Non c’è reazione da parte dei ragazzi di coach Popovich, che finiscono per essere dominati per tutto il resto dell’incontro. Rudy Gobert protagonista della partita, grazie ad una doppia doppia da 21 punti e 13 rimbalzi

Indiana Pacers-Cleveland Cavaliers 105-90

Momento positivo per gli Indiana Pacers (5° vittoria consecutiva per i ragazzi di coach McMillan) che alla Bankers Life Fieldhouse superano con facilità i Cleveland Cavaliers. Tutto facile sin da subito per i padroni di casa, che già dopo il 1° quarto dominano il match (30-17), e si limitano a gestire il vantaggio acquisito nel resto della partita. Ancora una grande prestazione quella di Bojan Bogdanovic, autore di 23 punti in 32 minuti

Atlanta Hawks-Charlotte Hornets 120-129

27esimo successo stagionale per gli Hornets, che espugnando la Philips Arena si riavvicinano alla zona playoff. Partita divertente ed equilibrata, con un esito incerto fino alla fine. Primo quarto vinto nettamente da Charlotte (46-31) che si fa però rimontare dai Falchi della Georgia nel secondo (37-27). Gli Hornets allungano ancora ad inizio 2° tempo (33-18) e resistono alla reazione finale degli Hakws (34-23). Super prestazione di Kemba Walker: il play del Bronx realizza 37 punti in 37 minuti (13/27 dal campo, 9/17 da tre)

New York Knicks-Toronto Raptors 99-104

Impresa sfiorata al Madison Square Garden, dove i Knicks (al 16esimo tonfo consecutivo) mettono paura ai grandi favoriti della Eastern Conference, i Toronto Raptors. I newyorkesi sfruttano come possono la serata no sotto canestro di molte stelle dei Raptors (Leonard su tutti, autore di soli 11 punti) ma alla fine non riescono a spezzare una striscia negativa che si protrae ormai da oltre un mese. Toronto si salva grazie alla buona prestazione di Kyle Lowry (22 punti in 34 minuti) e alla doppia doppia di Serge Ibaka (15 punti e 13 rimbalzi)

Memphis Grizzlies-New Orleans Pelicans 99-90

I Grizzlies si aggiudicano una delle partite più interessanti della zona bassa della Western Conference, superando grazie ad un grande 3° quarto (31-18 a favore di Memphis) i New Orleans Pelicans. Sono Davis e compagni ad allungare durante il primo parziale (28-20), ma la reazione immediata dei Grizzlies (21-16) riporta il match in equilibrio fino al terzo e decisivo parziale. Joakim Noah MVP del match: l’ex Bulls e Knicks realizza una doppia doppia da 19 punti e 14 rimbalzi

Boston Celtics-Los Angeles Clippers 112-123

Rimonta vincente dei Clippers al TD Garden sui Celtics. Dopo un primo tempo letteralmente dominato dai padroni di casa (43-20 e 31-33 i primi due quarti) i losangelini si rimboccano le mani e ribaltano l’esito, fin lì scontato, dell’incontro, prima con un 3° parziale da 28-12, poi con un super ultimo parziale da 42-26. Clippers che si affidano principalmente a Danilo Gallinari: l’ex Olimpia Milano mette a referto una doppia doppia da 19 punti e 10 rimbalzi che permette alla sua squadra di mantenere ben saldo l’8° posto della Western Conference12

Chicago Bulls-Washington Wizards 125-134

24esima vittoria stagionale per i Wizards che allo United Center vincono contro i Tori di Chicago. Partita entusiasmante caratterizzata dal dominio dei Wizards nel secondo quarto (42-29). Inutile la reazione dei Bulls che non riescono ad evitare una bruciante sconfitta. Il migliore per i ragazzi di Washington è Bradley Beal (31 punti, 2 rimbalzi e 4 assist)

Houston Rockets-Oklahoma City Thunder 112-117

Vittoria numero 36 per i Thunder che recuperano parzialmente il distacco dai Denver Nuggets. I padroni di casa sembrano voler chiudere la pratica già nei primi due quarti, terminando il primo tempo con un +22. I ragazzi dell’Oklahoma non si danno per vinti e grazie ad un super Paul George da 45 punti (12/22 dal campo, 6/14 da tre) rimontano clamorosamente vincendo grazie da un parziale di 27-22 nell’ultimo quarto

Milwaukee Bucks-Orlando Magic 83-103

No Giannis No Party. I Milwaukee Bucks vengono battuti nettamente dagli Orlando Magic, e vedono rifarsi sotto i Toronto Raptors in classifica. Orlando domina il match, aggiudicandosi 3 quarti su 4, e allungando in maniera definitiva al termine del secondo parziale (39-30). MVP dell’incontro è Nikola Vucevic (doppia doppia da 15 punti e 17 rimbalzi)

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.