Shaka Toney

Non ha catturato le stesse attenzioni del compagno di reparto Jayson Oweh, ma Shaka Toney ha chiuso il suo percorso alla Penn State con un ottimo 2020. Dopo aver deciso di non disputare la sua prima stagione con i Nittany Lions, il defensive end proveniente da Philadelphia si è rivelato un ottimo elemento nella linea difensiva della squadra.

Chi è Shaka Toney?

Shaka Toney si presenta ai college con un anno da senior da 21 sacks, 11 lanci deviati e la valutazione di tre stelle. Ben presto, arrivano per lui offerte da Pittsburgh, North Carolina e Duke. A queste, si aggiunge quella della Penn State e Toney lo ritiene il college più adatto, per valorizzare il suo potenziale come defensive end.

Entra all’università nel 2016, ma non ha ancora il giusto peso, per poter entrare nei Nittany Lions. Dopo essersi allenato per un anno, esordisce nel 2017 e, al termine della stagione, si guadagna i freshman All-Big Ten honors. L’anno successivo, gioca con più frequenza e migliora le sue statistiche. Lo staff dei Nittany Lions decide dunque di affidargli il ruolo di titolare. Toney continua a migliorare e nel 2019 riceve la second-team All-Big Ten recognition. Questo potrebbe essere il suo biglietto da visita per il draft 2020, ma il defensive end sceglie di rimanere al college ancora per una stagione. Il campionato 2020 dei Nittany Lions non è particolarmente brillante, ma Toney riesce a disputare un’altra ottima stagione. Lui e il suo compagno di reparto Jayson Oweh entrano nel first-team All-Big Ten e Toney decide che è giunto il momento di presentarsi alla corte della NFL.

Numeri alla mano

La carriera di Shaka Toney con i Nittany Lions inizia con un 2017 da 18 tackles, 4 sacks e 2 forced fumbles. Nel 2018, registra altri 5 sacks, 23 tackles e 1 forced fumble, per poi toccare un record personale di 6,5 sacks e 40 tackles nel 2019. Durante l’ultimo anno, partecipa in 7 delle 9 partite della Penn State e totalizza altri 31 tackles, 5 sacks e 1 forced fumble.

Nei quattro anni in cui ha militato nei Nittany Lions, Toney ha mantenuto costante la sua produttività e si è dimostrato un defensive end molto esplosivo e atletico, capace di partire dalla linea con il giusto tempismo. Non è l’edge rusher più robusto della classe e fatica nel fermare le corse, ma è dotato di un’ottima fluidità nei movimenti e un buon equilibrio.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20