Us Open Djokovic

Uno degli Slam sulla carta tra i più scontati della storia recente del tennis ci regala un epilogo pazzesco. Novak Djokovic è stato squalificato dallo US Open a causa di una pallata inferta ad una giudice di linea.

Il fattaccio è avvenuto sul finire di primo set, quando il serbo in preda alla rabbia per aver subito un break ha scaraventato la pallina verso l’inerme giudice di linea, colpendola all’altezza della trachea.

Ecco il video del gesto incriminato (Credit on [email protected])

Il n.1 al mondo era sotto 6-5 contro lo spagnolo Pablo Carreno-Busta, che era pronto a servire per portare a casa il primo set. Tuttavia la partita non è più ripresa a causa della squalifica di Nole, regalando al n.20 del seeding il secondo quarto di finale in carriera a Flushing Meadows.

Vane sono state le proteste di Novak Djokovic, che durante il colloquio con il supervisor dell’incontro ha provato a sancire la linea della buona fede. Chiaramente il gesto del campione di Belgrado è stato involontario, ma regolamento alla mano non c’è stato nulla che gli abbia fatto evitare la sanzione più pesante.

Il regolamento alla base della squalifica di Novak Djokovic

In queste circostanze il giudice di sedia non ha facoltà di attribuire sanzioni, quindi l’ultima parola spetta al supervisor, che nella disputa odierna era ricoperto da Soren Friemel.

Infatti alla base del rulebook degli Slam, si apprende come per incappare in una squalifica bisognerebbe commettere tre sanzioni, rientrando nella casistica dell’abuse of balls.

Nonostante Novak Djokovic fosse solo al secondo warning (aveva già tirato una pallata nel game precedente), capiamo che il gesto del serbo rientra nell’Aggravated Behaviour, che può essere costituita anche da un solo episodio ‘particolarmente dannoso per lo svolgimento del torneo’.

Il comunicato rilasciato dall’USTA in merito alla questione Novak Djokovic (Credit on [email protected]).

Ineccepibile quindi la squalifica di Djokovic, che perderà anche tutti i punti e il montepremi fin qui conquistato sul cemento di New York.

Probabilmente l’aspetto per lui più dannoso è dire addio alla vittoria del diciottesimo major, che con l’assenza di Federer e Nadal sembrava una pura formalità.

La sua esclusione dal torneo significa che presto avremo un nuovo campione Slam, con le carte che nel giro di poche ore si sono mischiate in maniera clamorosa. Infatti lo scettro dello US Open diventa ora carne al sangue per tutti, inseguendo una prima volta che pareva utopia.

Per la cronaca, la giudice di linea colpita dalla pallina vagante è in perfette condizioni: dopo qualche problema respiratorio l’allarme è rientrato.

Tuttavia poco fa tramite un post sul proprio profilo Instagram, Djokovic ha mostrato tutto il suo disappunto per questa vicenda, chiedendo scusa alla giudice di linea e a tutta l’organizzazione degli US Open.

OTTAVI DI FINALE US OPEN MASCHILI –

[20] P. Carreno-Busta b. [1] N. Djokovic (squalifica)

[12] D. Shapovalov – [7] D. Goffin

[27] B. Coric – J. Thompson

[5] A. Zverev b. A. Davidovich-Fokina 6-2, 6-2, 6-1

[6] M. Berrettini – [10] A. Rublev

F. Tiafoe – [3] D. Medvedev

V. Pospisil – [21] A. De Minaur

[15] F. Auger-Aliassime – [2] D. Thiem

Il tabellone completo

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20