Thiem
Dominic Thiem - Australian Open 2020: Credit by [email protected]

[5] D. Thiem b. [1] R. Nadal 7-6(3), 7-6(4), 4-6, 7-6(6)

[7] A. Zverev b. [15] S. Wawrinka 1-6, 6-3, 6-4, 6-2

Australian Open – Day 10

E alla fine arrivò Dominic Thiem: l’austriaco ha spezzato la maledizione Nadal negli Slam e ha estromesso dal torneo il n.1 al mondo.

Per la prima volta in carriera il n.5 delle classifiche mondiali batte il collega spagnolo nei major e trova anche il primo acuto sul cemento negli scontri diretti.

I due sono soliti sfidarsi a colpi di randellate sul mattone tritato, dove probabilmente sono i due migliori in questo momento.

Infatti dei tredici precedenti solo uno si era disputato sul cemento di New York nel 2018, dove Nadal prevalse al tie-break del quinto set.

E anche qui battaglia ci si aspettava e battaglia è stata: 4 ore e 10 minuti di grande tennis, con scambi logoranti e dritti vincenti, ovviamente il marchio di fabbrica di entrambi.

Tuttavia questa volta l’esito è stato differente, andando ad appannaggio del tennista di Wiener-Neustadt, che centra la prima semifinale Slam fuori dalla terra rossa, la quinta in totale.

Nel corso del match è stato quasi sempre il classe ’93 ad essere in vantaggio, mantenendo (parzialmente) il sangue freddo soprattutto nei momenti clou.

Bravo nel primo set a recuperare dal 5-3 e salvare una palla set fino ad aggiudicarsi il parziale. Essere in vantaggio era importante soprattutto a livello psicologico.

Nadal tuttavia non è un giocatore solito mollare e anche nel secondo set si porta avanti di un break sul 4-3. Nonostante ciò lo spagnolo è abbastanza nervoso e perde liquidi corporei in quantità industriale per l’afa che c’è attorno alla Rod Laver Arena.

Nel game successivo infatti perde il servizio con un errore di dritto prima e un doppio fallo finale.

Nel complesso è Thiem a condurre le operazioni: l’austriaco ha qualcosa in più nel gioco da fondo campo, Nadal lo sa e prova a variare gli schemi con il serve & volley.

I servizi tornano a far da padrone al parziale e si va nuovamente al tie-break. Thiem si porta subito avanti 4-0, ma Rafa lo riprende subito sul 4-4. Poi con tre dritti l’austriaco chiude il set: una grandiosa accelerazione inside-out, un colpo incrociato e poi un passante baciato dal nastro.

Con merito e fortuna Dominic si trova in vantaggio di due set. Nel terzo parziale le battute tornano a dominare, concedendo inizialmente le briciole a chi sta in risposta.

Thiem non ha percentuali elevatissime con la prima ma in qualche modo riesce a portare lo scambio a suo favore. Nadal invece dopo il cambio d’abito sembra leggermente più pimpante, tornando a sfoggiare in maniera concreta il dritto lungolinea.

Il mancino di Manacor è rabbioso e lotta su ogni palla, mentre il suo avversario ripiomba nuovamente in un momento di sbandamento. Sul 4-5 0-30 infatti il n.5 del seeding rimette in partita l’avversario con due errori gratuiti abbastanza grossolani.

Thiem rischia il crollo anche in avvio di quarto set, dove è costretto subito a fronteggiare due palle break. The Dominator è bravo però a venir fuori da questa situazione intricata e vincere il game.

Qui cambia radicalmente la partita: superato lo spavento Thiem torna a spingere come un forsennato. Nadal ora fa fatica a contenerlo, e complice anche un suo errore con il rovescio finisce sotto di un break.

La gara sembra avviata alla sua conclusione, con un generoso Nadal che non riesce a trovare l’acuto vincente in risposta.

Qui entra in gioco il braccino di Thiem, che vede sbriciolare tutte le sue certezze in un solo gioco. Al momento di servire per il match fa tutto lui: quattro gratuiti grossi come una casa danno il 5-5 al 19 volte campione Slam.

Per la terza volta in questo quarto di finale bisogna salire sulla giostra del tie-break, che parte in maniera fulminea con cinque mini-break su cinque punti.

Il primo strappo quasi decisivo lo da Thiem con un ottimo dritto in cross sul 5-2 prima e sul 6-4 poi.

Nei due match point torna però a tremare l’austriaco: subito caccia via un passante in rete sulla sua battuta.

Nadal cancella con il servizio anche l’altro match point con un hawk eye da brividi chiamato dallo stesso spagnolo durante l’evolversi dello scambio.

Si cambia nuovamente campo sul 6-6. Alla ripresa dal gioco Thiem fulmina Nadal con un dritto lungolinea smorzato dal nastro.

La dea bendata sorride all’austriaco, che poi prevale al terzo match point grazie ad un passante in rete dell’iberico.

Prima vittoria in un major su Nadal e possibilità concreta di centrare per la prima volta l’ultimo atto di uno Slam fuori dai confini della terra battuta.

Nonostante ciò i miglioramenti del 26enne austriaco sul cemento sono esponenziali, vedremo se avranno un seguito già dal prossimo turno.

Quanto a Nadal deve rimandare a Parigi l’aggancio ai 20 Slam di Roger Federer. Ora ad essere a rischio è anche il posto da n.1, che perderebbe in caso di successo finale di Djokovic.

Thiem affronterà ora Alexander Zverev, che riesce finalmente a centrare la prima semifinale Slam in carriera.

Anche nell’altro quarto di finale se le sono date di santa ragione, con un vero e proprio confronto generazionale con il tre volte vincitore major Stan Wawrinka.

In una Melbourne soleggiata e afosa il livello di gioco è spropositato, ma alla fine prevale la freschezza atletica del tedesco che vince in rimonta in quattro set.

Semifinali uomini –

[2] N. Djokovic VS [3] R. Federer

[5] D. Thiem VS [7] A. Zverev

Quarti di finale donne –

Nella parte bassa del tabellone femminile, nessun problema per le favorite della vigilia che accedono in semifinale.

Arrivano infatti vittorie convincenti e senza patemi per Simona Halep e Garbine Muguruza, che sbrigano in due set le pratiche Kontaveit e Pavlyucenkova.

Ora si affronteranno in un remake della semifinale del Roland Garros del 2018: in quell’occasione vinse la rumena.

[4] S. Halep b. [28] A. Kontaveit 6-1, 6-1

G. Muguruza b. [30] A. Pavlyucenkova 7-5, 6-3

Semifinali donne –

[1] A. Barty VS [14] S. Kenin

[4] S. Halep VS G. Muguruza

Australian Open – tabellone maschile

Australian Open – tabellone femminile

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20