fbpx
Novembre30 , 2021

Bastianini: l’impresa di Misano non vale una GP22

Related

Miguel Oliveira: il racconto di una stagione altalenante

L'incidente a Spielberg che ha rovinato tutto. Dai sogni...

Quartararo e il rinnovo che tarda ad arrivare: parla Jarvis

La stagione 2021 di MotoGP, si è conclusa da...

Max Verstappen: motore nuovo si o no?

Motore nuovo o non motore nuovo: questo è il...

Gp Arabia Saudita: orari e dove vederlo

Il Gp d'Arabia Saudita è il penultimo appuntamento del...

Share

Altra domenica “Bestiale” per Enea Bastianini capace di rimontare dalla 16° alla 3° posizione in gara con una Ducati targata 2019. L’attuale “best rookie” 2021 a 2 gare dal termine ha annunciato che nel 2022 avrà a disposizione da Ducati una GP21 ma potrebbe esserci qualche novità alla finestra.

Bastianini a Misano fa 2 su 2

Ebbene sì, altro piazzamento sul podio per il nostro Enea Bastianini capace di fare 2 su 2 a Misano. Anche questa volta si tratta di un terzo posto, ma le modalità con cui è arrivato sono spettacolari. Partiamo da prove libere e qualifiche dove il Bestia è riuscito nell’impresa di cadere ben 3 volte in 8 giri, insomma non un gran viatico per la gara. Tanto gli vale la 16a piazza in griglia, decisamente peggio del 9° posto di Misano 1. Ma la gara va come deve andare e lungo un sinuoso percorso perfetto Enea infila uno per uno i suoi avversari. Si giova anche di qualche caduta di chi gli è davanti, vedi Bagnaia, e all’ultimo giro si trova in battaglia con l’ormai iridato Fabio Quartararo. È qui che arriva la parte più bella, un sorpasso deciso ma pulito che non lascia spazio a repliche. La rimonta è completata e il 3° gradino del podio è la giusta ricompensa per una domenica da vero top pilota.


Miller, Bagnaia e lo spirito di squadra a Misano


Enea Bastianini: “Nel 2022 avrò la Ducati GP21”

Ora anche grazie alla contemporanea scivolata di Jorge Martin stiamo parlando del best rookie 2021. Una lunga rimonta, come ci ha abituato a fare, perpetuata nella seconda parte della stagione. Il tutto con una Ducati GP19, come quella del compagno Luca Marini è vero, ma anche una moto meno aggiornata di quella dell’altro suo rivale al titolo best rookie, Jorge Martin su una Pramac GP21. Insomma un risultato niente male per Enea. Purtroppo però le sensazioni sulla moto che avrà a disposizione la prossima stagione sono state confermate dallo stesso pilota al termine della gara. “In settimana ho parlato con la Ducati, direttamente con Gigi Dall’Igna e mi hanno confermato che per la prossima stagione avrò una GP21. Magari dopo oggi ci avranno ripensato”, ha concluso scherzando. In effetti nonostante i sorrisoni di Enea qualcosina potrebbe bollire in pentola. Di sicuro Ducati sa che talento ha in casa e sommato a quello di Jorge Martin può fare dei due la coppia ufficiale del futuro Bagnaia permettendo. Altrettanto vero però è che gli accordi con la casa li prendono i team e non i piloti e in questo caso il nuovo team Gresini non è arrivato fino alla spesa richiesta per la GP22. La speranza per Enea è però quella di avere una serie importante di aggiornamenti da Borgo Panigale nella prossima stagione. Capaci in questo modo di avvicinare le prestazioni dell’attuale Ducati a quelle dell’annata 2022.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20