post Cosenza-Chievo

Al San Vito Marulla il Cosenza ha superato per 1 a 0 il Chievo Verona nella 25° giornata di serie B, grazie alla rete all’11’ di Gliozzi. Post Cosenza-Chievo Roberto Occhiuzzi e Alfredo Aglietti hanno commentato la partita. Queste le loro dichiarazioni.

Cosa ha detto Occhiuzzi?

Il tecnico dei calabresi post Cosenza-Chievo ha commentato così il primo successo casalingo: “Avevamo lavorato molto sull’avversario, come facciamo sempre. Cambiando modulo però ho dovuto prestare più attenzione a certe cose, sebbene i principi restino uguali. È normale però che cambiando delle posizioni ci vuole una certa attenzione in fase di non possesso e saper sfruttare certe situazioni.

La cosa più importante credo fosse la vittoria al Marulla, era giusto sfatare questo tabù. Questo per noi è un campo fondamentale, abbiamo delle basi solide ma ripartiamo da questa vittoria. È stata una gara verticale, nel primo tempo abbiamo vinto più seconde palle noi. Il gruppo è tranquillo, le negatività le deve assorbire solo l’allenatore. Questa è una vittoria dei ragazzi e dello staff, la vittoria di questa grande famiglia: presidente, tifosi, giornalisti, addetti ai lavori. Dobbiamo stare al fianco di questi ragazzi, l’allenatore deve assorbire le critiche ma trasmettere la lucidità. È stata una settimana difficile ma bellissima, l’allenatore è responsabile nei confronti della squadra e dei tifosi. Alleno una squadra di veri lupi”. 

La svolta mentale 

La svolta mentale arriva da quello che cerchi di trasferire, devi farlo nel miglior modo anche nei momento no. Ma dobbiamo avere già la testa al Brescia, dobbiamo pensare a recuperare e chi è stato fuori deve capire che può essere impiegato perché c’è chi magari avrà ancora i postumi di questa partita. La cosa importante è che ho un gruppo che sta benissimo. Chi magari è arrivato in ritardo di condizione la sta acquisendo, fondamentale per questo rush finale”. 

La stima verso la propria squadra

Io stimo tanto i miei calciatori, sotto il profilo tecnico chiedo a volte tanto perché so che lo hanno nelle corde. Non metto mai in dubbio il loro cuore, il loro spirito da lupi. Incarnano il tifoso, vanno in campo ed esprimono il senso di appartenenza a questa maglia”.

Post Cosenza-Chievo: ecco il rush finale

Siamo pronti per il rush finale. Con tutto lo staff, preparatissimo, che lavora tanto durante la settimana, ci mettiamo molto in discussione, lavoriamo 24 ore su 24 perché vogliamo crescere e trasmettere tanto”. 

Le dichiarazioni di Aglietti post Cosenza-Chievo

Il tecnico del Chievo Alfredo Aglietti ha commentato così la sconfitta rimediata a Cosenza: “Abbiamo approcciato male la partita: loro hanno cerato subito dei pericoli, mentre noi non siamo entrati in campo nella maniera giusta. La nostra occasione con De Luca non cambia il senso dei nostri primi 15 minuti, in cui non abbiamo approcciato bene la partita e che poi abbiamo pagato. Abbiamo provato a rimontare e non ci siamo riusciti, perché la nostra ormai cronica mancanza di cattiveria sotto porta sta facendo la differenza in questo momento”.

L’approccio alla partita


Nel primo tempo abbiamo avuto le nostre occasioni nitide. Nella ripresa è stato più difficile, ma soprattutto nel finale abbiamo avuto qualche palla importante. Quando hai tante occasioni e non la butti dentro devi fare il mea culpa, così come per l’approccio alla partita che è stato totalmente sbagliato. Questo dispiace, perché poi la partita l’abbiamo fatta noi anche è se è chiaro che dobbiamo fare di più”.


Cosenza-Chievo 1-0: decide Gliozzi


Post Cosenza-Chievo: cosa pensa Aglietti dell’equilibrio del campionato?


Il campionato è equilibrato e vincere è sempre difficile. Ci sono tante ottime squadre, ma noi nell’ultimo periodo abbiamo subito queste tre sconfitte per 1-0 e dispiace. Potevamo fare qualcosa in più, sotto l’aspetto dei risultati e di capire il momento. C’è da ripartire subito, martedì si rigioca. I risultati degli altri li guardo relativamente, perché dobbiamo pensare al nostro cammino. Non è cambiato molto in classifica, ma è chiaro che dobbiamo capire perché abbiamo sbagliato oggi nell’approccio alla partita. Senza fare processi dobbiamo renderci conto che in questa fase del campionato dobbiamo sbagliare poco o nulla, perché quando sbagliamo veniamo puniti oltre misura”.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20