Roma-Verona 2-1

Mercoledì 15 luglio alle 21.45 la Roma ha ospitato all’Olimpico il Verona, partita valida per la 33° giornata di campionato di Serie A.

Nella scorsa giornata la Roma ha battuto con un netto 3 a 0 il Brescia, convincendo i tifosi con una buona prestazione sia a livello fisico che mentale. Da segnalare anche il ritorno al gol (e che gol!) di Zaniolo dopo il lungo stop per la rottura del crociato. I giallorossi sono chiamati a difendere il quinto posto da Napoli e Milan: entrambe le squadre si trovano a -1, dopo il pareggio di Bologna e la vittoria sul Parma.

Il Verona è stato raggiunto sul finale dalla Fiorentina, proprio quando i 3 punti sembravano una certezza: 1 a 1 e gol al 97 minuto di gioco di Cutrone che in extremis ha riacciuffato gli avversari. La squadra di Juric occupa il nono posto in classifica a quota 44 punti.

Nella Roma Fonseca conferma la difesa a tre con Kolarov nella posizione di centrale di sinistra. A centrocampo ci sarà invece Spinazzola. Davanti tornano dal primo minuto Dzeko e Mkhitaryan​, partiti dalla panchina contro il Brescia. In panchina non sono presenti Fazio e Mirante, esclusi dalla lista convocati il primo per un problema alla caviglia e il secondo per un risentimento al polpaccio sinistro. Quindi il secondo portiere dei giallorossi è Fuzato.

Juric opta per tre cambiamenti rispetto alla partita pareggiata contro la Fiorentina: in difesa al posto di Rrhamani figura Empereur, Lazovic torna a sinistra a centrocampo, mentre in attacco al posto di Di Carmine ci sarà Verre, supportato da Zaccagni e Pessina.

Il primo tempo

La Roma parte subito forte e al 5′ minuto di gioco Mancini si ritrova solo in mezzo all’area, servito da Spinazzola, ma calcia altissimo sprecando una ghiotta occasione.

Passano due minuti e si verifica uno scontro tra Pau Lopez e Zaccagni. Tante le proteste di Zaccagni, ma il portiere della Roma prende la palla.

Un minuto dopo Maresca assegna un calcio di rigore a favore della Roma per un intervento di Empereur su Pellegrini, bravo ad anticiparlo. Juric viene espulso per proteste e Veretout dal dischetto non sbaglia, portando in vantaggio i padroni di casa dopo soli 10 minuti di gioco. 1-0.

Roma-Verona 1-0

Il Verona prova subito a rispondere con Pessina, il cui colpo di testa termina a lato.

Al 27′ silent check del Var per un presunto tocco di mano di Dzeko in area: l’arbitro non assegna il rigore perché la mano dell’attaccante giallorosso era sullo stomaco.

Un minuto dopo Mkhitaryan scambia di prima con Dzeko e se ne va da solo verso la porta; il suo mancino si stampa sul palo interno. Al 47′ ci riprova con un tentativo dalla lunga distanza, che termina di poco a lato.

Allo scadere del primo tempo Dzeko trova il gol del raddoppio con un gran colpo di testa su cross di Spinazzola. Sesta rete di testa in questa Serie A per lui. 2-0.

Roma-Verona 2 a 0

Il secondo tempo

Appena rientrato in campo il Verona accorcia le distanze con un bellissimo gol di tacco di Pessina, su cross di Zaccagni. Per Pessina si tratta del sesto gol stagionale che lo corona come caponnoniere dei gialloblu. 2-1.

Gli ospiti sono padroni del campo, fiduciosi di avere le carte in regola per ribaltare la situazione. Sono disposti molto bene e pressano la difesa avversaria, che sembra stipata nella propria metà campo senza riuscire a riconquistare terreno.

Al 58′ Dzeko ha comunque una grande occasione: è lui a lanciare Bruno Peres sulla destra, che gli restituisce palla, ma l’attaccante bosniaco, di prima e da ottima posizione, conclude di poco alto.

La Roma sembra essersi ripresa da quel black out all’inizio del secondo tempo e al 69′ ci riprova con Mancini, ma il suo destro trova la respinta in angolo di Silvestri.

Al 74′ la Roma, ormai nuovamente padrona dalla situazione, si fa vedere con Dzeko che, a tu per tu con Silvestri, al momento del tiro si sbilancia e la sua conclusione termina alta.

All’ 81′ altra occasione per i giallorossi con Mkhitaryan che, servito da Dzeko, calcia fortissimo, ma il tentativo si infrange sul primo palo.

Il match termina 2 a 1 a favore dei padroni di casa che ottengono la terza vittoria consecutiva e tornano a +4 su Napoli e Milan, un bel vantaggio per evitare i preliminari di Europa League.

Roma-Verona 2-1

10′ rig. Veretout (R), 45’+4′ Dzeko (R), 47′ Pessina (V)

ROMA (3-4-2-1): Pau López; Mancini, Ibañez (92′ Villar), Kolarov; Bruno Peres (66′ Zappacosta), Diawara (66′ Cristante), Veretout, Spinazzola; Mkhitaryan (88′ Perotti), Pellegrini (66′ Zaniolo); Dzeko. 

Allenatore: Fonseca

VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Kumbulla (19′ Dimarco), Günter, Empereur; Faraoni, Amrabat (83′ Badu), Miguel Veloso (83′ Stepinski), Lazovic; Pessina, Zaccagni (64′ Salcedo); Verre (64′ Eysseric). 

Allenatore: Juric

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20